L'importanza della stabilità

La stabilità all'ossidazione è uno dei parametri fondamentali per assicurare il corretto funzionamento dei motori. 

La stabilità all'ossidazione è uno dei parametri fondamentali per assicurare il corretto funzionamento dei motori. Si traduce in una patina e sedimenti di materiale ossidato. La perdita di stabilità comporta un degrado molto veloce del prodotto con formazione di sedimenti insolubili (particelle fluttuanti o sedimentabili nel carburante) e sedimenti aderenti (sostanze In grado di formare dei film molto aderenti); la degradazione è dovuta all’ossidazione, reazione chimica naturale. 

Nei motori, soprattutto in quelli di ultima generazione, il processo di degradazione è accentuato nella fase di ritorno del gasolio “caldo” dall’iniezione al serbatoio dove il carburante viene sottoposto ad ossigenazione e ad una catalisi termica.

A mezzo fermo il gasolio staziona sulle zone post filtro, nel processo di ossidazione si depositano sedimenti che,  trovandosi  dopo  il  sistema  di  filtrazione,  entrano  nei  punti  delicati  del  sistema  e  “incrostano” progressivamente il sistema di iniezione fino ad arrivare al blocco del motore.

  • Iniettore pulitoiniettore pulito
  • Iniettore pulitoiniettore pulito 2
  • Iniettore sporcoiniettore in esercizio
  • Iniettore sporcoiniettore sporco 2

A motore fermo il gasolio instabile rilascia sedimenti aderenti che incrostano pompa ed iniettori accorciando il periodo di intervento manutentivo, nei casi di elevata instabilità causa fermi motore.

  • IMG 2521Stabile
    3-6 Mg/Kg (<25 Mg/Kg)
  • Stab al limiteStabilità al limite 24 Mg/Kg (<25 Mg/Kg)
  • non stabNON Stabile
    280 Mg/Kg (<25 Mg/Kg)

Richiedi informazioni